10.02.2017

News

Mappa SACE rischi e opportunità export

La SACE, società del gruppo Cassa depositi e prestiti specializzata nell'assistenza finanziaria e assicurativa alle imprese, ha recentemente diffuso la mappa aggiornata al 2017 dei rischi e delle opportunità in tema di export nel mondo.
La mappa è accompagnata anche da un focus on sugli ultimi dati in materia, disponibile sul sito SACE, di cui si riporta di seguito l'Executive Summary:
• È iniziata la fase di "disamoramento" per la globalizzazione e la discontinuità rispetto al modello passato si farà sentire in tempi ravvicinati. Le misure protezionistiche sono in forte aumento e gli scambi internazionali crescono sensibilmente meno rispetto al periodo pre-crisi.
• I due core risk del 2016 si confermano essere le principali criticità anche nel 2017: il debito (pubblico e privato, che ha raggiunto il 225% del Pil globale) e la variabile geopolitica. Tra le componenti relative al debito, i principali fattori di preoccupazione risiedono nel rischio bancario (indicatore SACE in crescita di 2
punti a livello mondiale) e nel rischio di trasferimento valutario.
• Tra i Paesi maggiormente colpiti dall'aumento della rischiosità bancaria troviamo economie importanti come Brasile e Messico in Sudamerica, India, Turchia, Mozambico, Nigeria e Angola in Africa. Tra le geografie in cui è aumentato sensibilmente il rischio di trasferimento valutario, rientrano ancora Mozambico e Angola, a cui si aggiungono Cuba, Egitto e Oman. In controtendenza Iran e Argentina.
• Non ci sono ricette giuste, ma la conoscenza a fondo dei pericoli da temere per superare le paure e continuare a crescere è fondamentale. È importante incrementare l'awareness delle imprese che operano sui mercati internazionali, oggi ancora più che nel passato.
• Le aree di integrazione regionale, in particolare tra l'Ue e i Paesi andini (come Colombia, Perù, Cile), dell'area Subsahariana e dell'Asia (come la Corea del Sud) possono diventare ecosistemi da esplorare. Questi Paesi sono stati destinatari, nel 2015, di oltre EUR 27 mld di esportazioni italiane.