Materie prime: meccanica agricola in emergenza

20.04.2021
La domanda di tecnologie per l’agricoltura è in crescita, ma scarseggiano le forniture di materie prime. Le materie ferrose e plastiche sono difficilmente reperibili e registrano a marzo incrementi record, con danno per la meccanica agricola che utilizza in massima parte questi materiali. Nella fabbricazione di un trattore la componente ferrosa arriva al 75% del totale.

L’economia mondiale è in ripresa, ma l’impennata delle materie prime spinge i costi di produzione ai massimi storici, con pesanti conseguenze su un comparto, quello delle macchine agricole, che utilizza in gran parte materiali ferrosi e plastici.

I dati sull’economia mondiale diffusi da Prometeia-Confindustria prevedono un balzo del PIL dal -3,9% del 2020 a +5,2% nel 2021, e una robusta ripresa del commercio mondiale, che si prevede passerà dal -6,9% dello scorso anno ad un consistente +8,6% quest’anno.

Tuttavia, la domanda di merci corre più velocemente della capacità produttiva delle imprese, rallentate dalla carenza di materie prime e dal loro costo esorbitante. Il prezzo medio delle materie per l’industria risulta in crescita del 22% a marzo rispetto al gennaio 2020, con quotazioni particolarmente alte per il settore della meccanica (+40%).

In Europa i prezzi degli acciai registrano a marzo il loro massimo storico, con rincari particolarmente elevati per i laminati (HRC e CRC) che crescono del 70-80% rispetto ai livelli pre-Covid. Per quanto riguarda le plastiche, nel primo trimestre dell’anno l’Europa registra un incremento del costo pari al 45% per l’etilene e al 121% per il polietilene.

Ai forti rincari delle materie prime si aggiungono le difficoltà della logistica e dei trasporti (ancora legate all’emergenza pandemica), un’impennata dei costi dei container e ritardi consistenti nei trasporti navali.

Tutto questo ha conseguenze pesanti sul settore della meccanica agricola, che utilizza in larga misura materiali ferrosi e plastiche e che privilegia il trasporto in nave per la spedizione all’estero dei macchinari prodotti.

Nella fabbricazione di un trattore – fa presente FederUnacoma, la federazione dei costruttori italiani – si contano in media 1.700 componenti, che sono per il 75% derivati dal ferro (ghisa, acciaio, tubi metallici), a cui si aggiunge un ulteriore 5% di altri metalli come il rame.

La componente metallica copre dunque circa un 80% del totale dei materiali utilizzati per fabbricare un trattore. Della parte restante oltre il 10% è coperto da materiali plastici (rivestimenti cabina, protezioni, coperchi, tappi) e circa un 5% da polimeri gommosi (tubi, anelli di tenuta, guarnizioni).

L’emergenza riguarda, evidentemente, anche le altre tipologie di macchine, e le attrezzature in molti casi composte di soli materiali ferrosi.

L’industria italiana della meccanica agricola – sottolinea FederUnacoma – sta vivendo una fase dinamica, dovuta alla crescita della domanda e alle forme d’incentivazione all’acquisto di mezzi di nuova generazione, ed è molto preoccupante che proprio in questo momento le case costruttrici vedano a rischio la propria capacità produttiva.


Gli ultimi Comunicati stampa di FederUnacoma

27.10.2021

Fidenza, il “sogno verde”

Presentato nel contesto dell’EIMA il vasto progetto di gardening e forestazione del comune emiliano. In pochi anni 175 mila metri quadri di nuovo verde urbano, dei quali oltre 46 mila coperti da bosco. Nuovi progetti in cantiere per una città che punta alla piena sostenibilità anche in campo energetico e della mobilità.
26.10.2021

EIMA Campus: nuovi robot per lavorare in sicurezza

L’impiego dei robot in agricoltura ha un impatto positivo non soltanto nell’ottimizzazione delle lavorazioni nel settore primario e nella produttività, ma anche in termini di sicurezza nel lavoro giacché permette di eliminare molti fattori di rischio connessi alle operazioni agricole.
24.10.2021

EIMA, più forte di tutto

La rassegna mondiale della meccanica agricola si chiude a Bologna con risultati straordinari. Il “popolo dell’EIMA” supera le incertezze post-Covid e consacra la rassegna come evento leader nel panorama fieristico. I dati certificati diffusi da FederUnacoma e BolognaFiere indicano 270.700 visitatori, di cui 25.900 esteri. Un grande successo per un evento che tornerà nel novembre 2022 per poi riprendere la sua naturale cadenza biennale.
23.10.2021

I florovivaisti italiani eleggono a EIMA Miss Comune Fiorito

Con il concorso di bellezza si chiude la kermesse dell’associazione di settore Asproflor, nell’ambito delle attività che legano il salone internazionale delle macchine agricole e per il giardinaggio di Bologna alla cultura e alla progettazione del verde. Eletta Arianna Giardino, di Usseglio, in provincia di Torino. A 54 Comuni conferito il Marchio di qualità dell’ambiente di vita - Comune Fiorito 2021, che premia l’attenzione per l’ambiente, la fioritura e l’arredo urbano.

Associazione Costruttori Implements
Associazione Costruttori Macchine Semoventi
Associazione Costruttori Trattori
Associazione Costruttori Componentisti
Associazione Costruttori Macchine per il Giardinaggio