Finanziamenti Simest per internazionalizzazione imprese

Simest ha messo a punto una serie di finanziamenti agevolati, nell'ambito del Fondo 394/81, a sostegno dell'internazionalizzazione delle imprese italiane dopo l’emergenza sanitaria.

I finanziamenti si riferiscono alle seguenti attività:

  • Programmi per inserimento sui mercati esteri (importo max finanziabile pari a 4 mln di euro per l'apertura all'estero di strutture commerciali permanenti quali: filiali, show room, centri assistenza post vendita, ecc. e relative attività promozionali);
  • Studi di fattibilità (importo max finanziabile pari a 200 mila euro per investimenti commerciali e 350 mila euro per quelli produttivi);
  • Patrimonializzazione delle imprese esportatrici (importo max finanziabile pari a 800 mila euro);
  • Partecipazione a Fiere Internazionali, Mostre e Missioni di Sistema (importo max finanziabile pari 150 mila euro);
  • Commercio elettronico in paesi esteri (importo max finanziabile pari a 450 mila euro per una propria piattaforma on-line e 300 mila euro per adesione ad un market-place terzo);
  • Temporary Export Manager (l'inserimento temporaneo di figure professionali specializzate per la realizzazione di progetti all'estero con importo max finanziabile pari a 150 mila euro);
  • Programmi di Assistenza Tecnica (importo max finanziabile pari a 300 mila euro per la formazione del personale in loco nell'ambito di iniziative di investimento in Paesi esteri e importo max finanziabile pari a 100 mila euro per l'assistenza post vendita collegata a un contratto di fornitura).

Le imprese sono esentate, grazie al Decreto Rilancio, a presentare le garanzie fino al 30 giugno 2021 ed era prevista una quota a fondo perduto fino ad un max del 50% nel limite di € 800.000 di aiuti di stato ricevibili.

Dal 21 ottobre scorso è stata sospesa la ricezione delle domande da parte delle imprese in quanto la richiesta (a quella data il controvalore era pari a €3,9 mld) eccedeva l'ammontare dello stanziamento (pari a € 1,3 mld).

Il "DL Ristori" ha aumentato la dotazione del fondo destinato al sostegno agevolato alle attività di export, il cosiddetto Fondo 394/81, di 150 milioni di euro per il 2020.

Il governo ha inoltre stanziato ulteriori 200 milioni per il 2020 del fondo istituito con il decreto "Cura Italia", destinato ad erogare cofinanziamenti a fondo perduto alle imprese esportatrici che ottengono finanziamenti agevolati a valere sul già menzionato "fondo 394". Infine, nella Legge di Bilancio (Legge n.178/2020) la dotazione del Fondo rotativo 394/81 è stata incrementata di € 1.085 milioni per l'anno 2021 e di € 140 milioni per ciascuno degli anni 2022 e 2023. Si è ancora in attesa delle relative autorizzazioni.

Dal 18 gennaio 2021 sono poi operativi due nuovi strumenti agevolati (schede e circolari riportati di seguito) su risorse gestite per conto del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale a valere sul Fondo contributi interesse della Legge 295/73:

  • Il “Contributo su Leasing all’Esportazione” è un’agevolazione a fondo perduto in conto interessi dedicata a imprese italiane che concedono in leasing a medio lungo termine beni strumentali e relativi servizi. Possono beneficiarne anche le società di leasing italiane che acquistano beni e servizi da produttori italiani per concederli in leasing a controparti estere;
  • Il “Contributo su Lettere di Credito Export” si rivolge alle imprese italiane che richiedono il pagamento delle proprie commesse estere tramite una lettera di credito emessa da una banca estera e finanziata a medio lungo termine da una banca italiana confermante. L’agevolazione ha l’effetto di rendere più competitivo il tasso d’interesse dell’operazione.

Presentazione finanziamenti


Tutorial provvedimenti


Circolari operative


Schede prodotto


Associazione Costruttori Implements
Associazione Costruttori Macchine Semoventi
Associazione Costruttori Trattori
Associazione Costruttori Componentisti
Associazione Costruttori Macchine per il Giardinaggio