Macchine per il giardinaggio, mercato stabile nel 2019

05.03.2020
Le vendite di macchine e attrezzature per il verde si confermano sui livelli del 2018. Dopo i consistenti incrementi registrati nei primi mesi dell’anno, la domanda si è ridimensionata nel quarto trimestre a causa delle cattive condizioni meteo che hanno bloccato le manutenzioni. Sull’anno in corso pesano le incognite legate al Coronavirus.

Il mercato delle macchine e delle attrezzature per il giardinaggio e la cura del verde chiude il 2019 con un livello di vendite sostanzialmente in linea con il 2018. E’ quanto emerge dai dati elaborati dall’associazione italiana dei costruttori Comagarden e dal gruppo di rilevamento statistico Morgan che indicano a fine anno un totale di 1.276.000 unità vendute (comprendenti ogni tipologia di macchinario, dai mezzi semoventi alle attrezzature motorizzate, fino agli utensili manuali) con un calo dello 0,1% rispetto alle 1.277.650 unità dell’anno precedente. La flessione ha interessato soprattutto il segmento delle motoseghe (-3,9%), degli spazzaneve (-3,6%) e, sia pure in misura più lieve, quello delle motozappatrici (-1,7%), dei soffiatori (-1,6%) e dei rasaerba (-1,2%).

In netta controtendenza le potatrici ad asta e i trattorini, che hanno registrato incrementi pari  al 21,8% e al 19,3%. A crescere sono anche le vendite dei  rasaerba robot che nel 2019 hanno toccato le 26 mila unità, confermando così un trend espansivo che caratterizza negli ultimi anni questa tipologia di mezzo. Particolarmente significativa è la crescita, nei diversi segmenti di mercato, delle macchine e delle attrezzature con alimentazione a batteria, che continuano a mettere a segno prestazioni più brillanti dei modelli con motore termico. Emblematico l’andamento del settore delle motoseghe che, pur avendo chiuso l’anno con un calo complessivo del 3,9%, ha comunque registrato incrementi a doppia cifra (30,3%) per i modelli a batteria. La stessa dinamica ha interessato i rasaerba: a fronte di una flessione generale pari all’1,2%, le macchine con propulsione a batteria hanno registrato un vero exploit rispetto al 2018 con un aumento pari al 44,5%.

Insomma, nel 2019 si va consolidando quello spostamento della domanda verso i sistemi di alimentazione a basso impatto ambientale che già si era imposto con forza nel 2018. Nel corso del 2019 a pesare sulle dinamiche di mercato sono state soprattutto le condizioni meteo-climatiche. Il primo trimestre del 2019, caratterizzato da temperature miti che avevano determinato un’anticipazione dell’attività vegetativa delle piante, aveva infatti trainato le vendite di macchine per il giardinaggio, facendo registrare un +29%.

Il boom di inizio  anno è stato però controbilanciato nei mesi successivi da un peggioramento delle condizioni meteorologiche, che hanno rallentato le manutenzioni determinando nel quarto trimestre una sensibile battuta d’arresto (-12,9%) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. L’andamento del mercato nel 2020 resta quanto mai incerto a causa del rallentamento delle attività economiche dovuto all’emergenza del Coronavirus, che anche nel comparto del gardening sta creando forti difficoltà non soltanto dal lato della domanda di macchinari ma anche da quello degli approvvigionamenti e della logistica. 


Gli ultimi Comunicati stampa di FederUnacoma

02.04.2020

Forniture di macchine agricole: un allarme dai Paesi UE

Il Comitato europeo dei costruttori di macchinario agricolo lancia un appello perché sia consentita nel nostro Paese la ripresa delle attività del comparto. Senza le macchine fabbricate in Italia - maggior produttore in Europa insieme alla Germania - si paralizza l’attività di moltissime imprese agricole e si mettono a rischio gli approvvigionamenti alimentari.
01.04.2020

Forniture di macchinari agricoli: i coltivatori chiedono lo sblocco

La Federazione dei costruttori di macchine agricole insieme alle organizzazioni professionali agricole chiede al Governo di modificare il decreto che blocca la produzione di trattori, aratri, mezzi per i trattamenti alle colture, per l’irrigazione e l’alimentazione zootecnica. Il comparto deve essere urgentemente inserito come parte integrante della filiera agroalimentare, perché senza queste forniture si danneggia l’agricoltura e si mette a repentaglio la sicurezza alimentare.
26.03.2020

Produrre cibo al tempo del Covid-19: il trattore e le macchine agricole che non vedi al supermercato …

FederUnacoma, la Federazione che in ambito confindustriale rappresenta i costruttori di macchine per l’agricoltura e il giardinaggio e relativa componentistica, richiama l’attenzione del governo e dell’opinione pubblica sull’importante ruolo del comparto all’interno della filiera agro-alimentare, ritenuta a ragione altamente strategica in questa fase emergenziale. Molte aziende del settore sono pronte a continuare la produzione in sicurezza, in accordo con i lavoratori, con spirito di responsabilità, per garantire la fornitura di macchine agricole e ricambi necessari per la produzione degli alimenti.
12.03.2020

Macchine agricole: non si ferma l’industria italiana

I rischi legati alla diffusione del Covid-19 impongono speciali norme di prevenzione, ma le imprese della meccanica agricola mantengono buoni ritmi produttivi, anche per soddisfare la domanda estera che copre il 70% del fatturato del settore. Marcia a pieno regime l’organizzazione di EIMA International, la rassegna mondiale che si terrà a Bologna dall’11 al 15 novembre.

Associazione Costruttori Implements
Associazione Costruttori Macchine Semoventi
Associazione Costruttori Trattori
Associazione Costruttori Componentisti
Associazione Costruttori Macchine per il Giardinaggio