Trattori: mercato mondiale a passo di record

02.03.2022
Dopo aver registrato una crescita vistosa nel 2020, il mercato dei trattori registra nel 2021 ulteriori incrementi in tutti i principali Paesi. Sono 318 mila le nuove immatricolazioni negli USA, 180 mila quelle in Europa ed oltre 900 mila quelle in India. Esportazioni italiane in crescita del 20%, e produzione nazionale stimata in 13,7 miliardi di euro. Positive le previsioni per il 2022 formulate a inizio anno, ma la crisi militare Russo-Ucraina cambia lo scenario, e minaccia di influire pesantemente sull’economia globale.

Il mercato mondiale delle macchine agricole prosegue la sua fase positiva. Le vendite di trattrici - che già nel 2020, in piena crisi pandemica, avevano registrato un incremento a livello globale del 7,7% toccando quota 2.200.000 unità - registrano nel 2021 ulteriori incrementi in tutti i principali Paesi, così come evidenziato nella conferenza stampa FederUnacoma tenutasi questo pomeriggio a Verona nel contesto di Fieragricola.
Gli Stati Uniti chiudono l’anno – secondo i dati pubblicati dall’associazione nazionale dei costruttori AEM – con un totale di 318 mila trattrici immatricolate, con una crescita di oltre il 10% rispetto alle 288 mila dell’anno precedente, mentre il mercato indiano consolida il suo primato in termini di unità vendute superando quota 900 mila, con un incremento del 13%. Livelli elevati dovrebbe aver raggiunto il mercato cinese, per il quale non sono ancora disponibili i dati finali 2021 ma che già nel 2020 aveva registrato un incremento record (+47% a fronte di 470 mila unità vendute). In attivo anche il mercato europeo, che – secondo i dati diffusi dal Comitato europeo dei costruttori CEMA – segna un incremento medio del 16,6%, in ragione di quasi 180 mila unità immatricolate contro le 154 mila dell’anno precedente. Francia e Germania si confermano i mercati più consistenti nello scenario europeo, con rispettivamente 36 mila e 35 mila unità, con percentuali d’incremento del 9,2% e dell’8,8%. La Spagna si attesta sulle 11.700 unità (+9,3%), il Regno Unito sulle 14 mila (+18%), mentre spicca la Polonia registrando un attivo di quasi il 43% in ragione di 20.200 macchine immatricolate, sulla spinta dei finanziamenti per i Piani di sviluppo agricolo attivi nel Paese. Fra i mercati emergenti si segnala quello della Turchia, in ripresa dopo la crisi economica degli ultimi anni, che balza a 64 mila unità, con una crescita del 33% rispetto all’anno precedente.
L’Italia chiude l’anno con incrementi per le trattrici nettamente superiori alla media europea, pari a 36,6% in ragione di 24.400 unità. All’origine di questo buon andamento – ha spiegato Malavolti nel corso della conferenza – ci sono varie ragioni tra le quali il positivo bilancio dell’annata agraria per quanto riguarda i cereali, e il sistema di incentivi che in molti Paesi è stato attivato per il sostegno al settore primario e per la ripresa dopo la crisi pandemica.
Il positivo risultato a livello globale favorisce le nostre esportazioni - non soltanto di trattrici ma anche di macchine agricole operatrici, attrezzature e componentistica - che segnano nell’anno incrementi consistenti. Negli undici mesi da gennaio a novembre - secondo i dati ISTAT - le vendite all’estero di trattrici italiane mostrano un incremento in valore del 20,8%, e le altre macchine agricole un incremento di poco inferiore al 20%, per un export complessivo in crescita del 20%. Marginali nella geografia delle nostre esportazioni ma in crescita in termini percentuali sono le quote destinate a Russia ed Ucraina, i Paesi coinvolti nel drammatico conflitto attualmente in corso. Le esportazioni di trattrici e macchine agricole italiane in Russia indicano negli undici mesi da gennaio a novembre 2021 un valore pari a 124 milioni di euro, con una crescita del 29% rispetto all’anno precedente; e i dati sull’export in Ucraina indicano un valore complessivo di 63 milioni di euro, con una crescita del 52%. Si tratta di volumi ancora limitati (pari rispettivamente al 2,4% e all’1,2% del totale delle nostre esportazioni) ma con una dinamica molto promettente, prima del repentino cambiamento di scenario. Quanto all’andamento complessivo delle nostre esportazioni va rilevato come questo abbia subito - a causa della crescita dei costi di produzione industriale - una flessione nella seconda parte dell’anno rispetto alla prima, sia pure mantenendo indici positivi (nella prima parte dell’anno l’export di trattrici era salito del 57%, mentre a fine anno risulta come detto intorno al 20%). Ciò si riflette sulla produzione delle nostre industrie, che al buon andamento del mercato nazionale hanno sommato il buon andamento dei mercati esteri, e che stimano una crescita complessiva del fatturato nell’anno in corso intorno al 19% (riferito a trattrici, macchine operatrici, attrezzature agricole, macchine per il giardinaggio e la cura del verde e componenti), passando dagli 11,5 miliardi del 2020 a 13,7 miliardi stimati per il 2021. Le indagini previsionali per il 2022 formulate ad inizio anno indicavano incrementi di fatturato in Europa nei primi sei mesi, ma la crisi militare Russo-Ucraina si impone oggi come una variabile molto influente per l’economia nel suo insieme, con effetti ancora difficili da misurare.


Gli ultimi Comunicati stampa di FederUnacoma

20.05.2024

EIMA 2024, un volano per la cooperazione italo-serba

La 46ma edizione della rassegna bolognese è stata presentata questa mattina a Novi Sad (Serbia) nel corso di un convegno sui robot agricoli. Le tecnologie ad alta automazione strategiche per incrementare la produttività di un’economia agricola come quella serba, sempre più specializzata. L’alta innovazione al centro di EIMA 2024, che inaugura l’area REAL dedicata alle prove e alle dimostrazioni pratiche dei robot.
01.05.2024

EIMA International, un presidio per la cooperazione tecnica italo-brasiliana

Più di 850 visitatori dal Brasile sono attesi alla prossima edizione di EIMA International, che si tiene a Bologna dal 6 al 10 novembre prossimo. La grande kermesse della meccanica agricola una importante occasione per rafforzare la cooperazione in un settore strategico per l’economia del Paese sudamericano, terzo produttore mondiale e primo esportatore mondiale di derrate agricole. L’export italiano di macchine agricole in forte crescita tra il 2019 e il 2023.
24.04.2024

EIMA 2024, tecnologie innovative per l’agricoltura del Marocco

Si è tenuta questo pomeriggio a Meknés, nella cornice della fiera agricola Siam, la conferenza stampa di presentazione di EIMA 2024. L’agricoltura del Marocco, sempre più competitiva, esprime una crescente domanda di tecnologie innovative anche per contrastare gli effetti del cambiamento climatico. La grande rassegna bolognese uno degli appuntamenti più attesi da agricoltori e tecnici del Paese nordafricano.
11.04.2024

Macchine agricole, mercato in calo nei primi tre mesi dell’anno

Il primo trimestre dell’anno segna una consistente flessione delle vendite per tutte le tipologie di macchine agricole. Trattori e mietitrebbie calano rispettivamente del 25% e 56,7%, le trattrici con pianale di carico del 18,4%. Segno negativo anche per i rimorchi (-6,1%) e i sollevatori telescopici (-37,2%). FederUnacoma: la contrazione della domanda dovuta a fattori economici e geopolitici, necessario un piano di incentivi pubblici pluriennale per portare a compimento la digitalizzazione della nostra agricoltura.

Federazione Nazionale Costruttori Macchine per l'Agricoltura
Sistemi e Tecnologie Digitali per Macchine e Produzioni Agricole
Associazione Produttori Sistemi per l'Irrigazione
Associazione Costruttori Implements
Associazione Costruttori Macchine Semoventi
Associazione Costruttori Trattori
Associazione Costruttori Componentisti
Associazione Costruttori Macchine per il Giardinaggio